Home





Home

Coronavirus. l’Emilia-Romagna passa in zona arancione

La Regione Emilia-Romagna ha emanato l’Ordinanza del 12 novembre 2020, che sarà valida in tutto il territorio regionale da sabato 14 novembre fino al 3 dicembre e che contiene provvedimenti ulteriormente restrittivi in aggiunta a quelli nazionali e a quelli previsti per la “fascia arancione”, che saranno in vigore a partire da domenica 15 novembre fino al 3 dicembre sulla base del Dpcm del 3 novembre 2020.

 

L’ordinanza viene presa in accordo con le regioni Veneto e Friuli Venezia Giulia, d’intesa con il Ministero della Salute.

In particolare durante il periodo indicato saranno in vigore le seguenti misure:

  • è sempre obbligatorio l’utilizzo della mascherina al di fuori della propria abitazione; fanno eccezione i bambini con età inferiore a sei anni, i soggetti che stanno svolgendo attività sportiva e quelli con patologie o disabilità incompatibili con l’uso della mascherina stessa; nel caso di momentaneo abbassamento della mascherina per consumare cibo o bevande o per il fumo, dovrà in ogni caso essere rispettata la distanza minima di un metro, salvo quanto disposto da protocolli o specifiche previsioni maggiormente restrittive;
  • è consentito svolgere attività sportiva e motoria all’aperto, preferibilmente presso parchi pubblici, aree verdi, rurali e periferiche, se accessibili, rispettando però sempre la distanza di sicurezza interpersonale di almeno 2 metri per l’attività sportiva e di almeno un metro per ogni altra attività; in ogni caso, non sono possibili tali attività nelle strade e nelle piazze del centro storico delle città, né nelle aree solitamente affollate;
  • è vietata l’attività di commercio nella forma del mercato all’aperto su area pubblica o privata se non nei Comuni nei quali sia stato adottato dai sindaci un piano apposito piano, consegnato ai commercianti, che preveda le seguenti condizioni di minima:
    • una perimetrazione nel caso di mercati all’aperto;
    • presenza di un unico varco di accesso separato da quello di uscita;
    • sorveglianza pubblica o privata che verifichi distanze sociali e il rispetto del divieto di assembramento nonché il controllo dell’accesso all’area di vendita;
    • applicazione della scheda relativa al commercio al dettaglio su aree pubbliche contenuta nell’allegato 9 del Dpcm del 3 novembre 2020
  • nei giorni prefestivi e festivi, le grandi e medie strutture di vendita, sia con un esercizio unico, sia con più esercizi collegati, compresi i complessi commerciali, sono chiuse al pubblico, salvo che per la vendita di generi alimentari, le farmacie, le parafarmacie, le tabaccherie e le edicole; inoltre, nei giorni festivi si aggiunge il divieto di ogni tipo di vendita anche in esercizi di vicinato, al chiuso o su area pubblica, fatta eccezione per le categorie indicate sopra; rimangono aperti gli esercizi di ristorazione nei limiti previsti dal Dpcm del 3 novembre 2020; la vendita con consegna a domicilio è sempre consentita e fortemente raccomandata;
  • negli esercizi di vendita l’accesso è consentito ad una sola persona per nucleo familiare, fatta salva la necessità di accompagnare persone con difficoltà o minori di età inferiore a 14 anni;
  • nelle scuole del primo ciclo scolastico (primarie e secondarie di primo grado) sono sospesi i seguenti insegnamenti (a rischio elevato):
    • educazione fisica;
    • lezioni di canto;
    • lezioni di strumenti a fiato.

Tale misura viene prudenzialmente introdotta nell’attesa di nuove e ulteriori indicazioni da parte del Comitato tecnico scientifico nazionale.

Consulta tutti gli altri provvedimenti in vigore fino al 3 dicembre nel territorio della Regione Emilia-Romagna.

Cosa fare se c’è un positivo al Covid-19 nel proprio nucleo familiare

Riportiamo alcune importanti indicazioni per le persone che hanno casi positivi al Covid-19 all’interno del proprio nucleo familiare.

🏠 QUARANTENA E ISOLAMENTO FIDUCIARIO

Per tempistiche e certificazioni fare riferimento all’Azienda Usl di Bologna; maggiori informazioni sul sito nella sezione dedicata alle Faq.

Per le norme igienico-sanitarie da adottare nella relazione quotidiana con un convivente risultato positivo al tampone:

 

🗑️ GESTIONE RIFIUTI DOMESTICI

Sospendere la raccolta differenziata e trattare tutti i rifiuti come indifferenziati. Per richiedere il servizio aggiuntivo di raccolta a domicilio o la fornitura di sacchi, chiamare Geovest al numero dedicato 339.7760524 (dal lunedì al giovedì ore 8.45-12.45 e 14.00-16.30 e il venerdì ore 8.45-12.45); verrà richiesto solo l’indirizzo del ritiro.

 

🛍️ SPESA E FARMACI A DOMICILIO

Contattare la Croce Rossa Italiana (051.311541 e 334.6379923), che offre un servizio gratuito di consegna dedicato appositamente a cittadini in quarantena o soggetti con sintomatologia da infezione respiratoria e febbre oltre 37,5°.

 

👴👵 SOGGETTI FRAGILI CON FAMILIARI IN QUARANTENA

Lo Sportello sociale può fornire assistenza telefonica e un servizio gratuito di consegna a domicilio di spesa e farmaci per le persone in situazioni di fragilità, i cui familiari sono in quarantena e che non possono contare su altre reti di supporto. Le richieste di aiuto possono essere fatte telefonicamente il lunedì e il sabato dalle ore 9 alle 12 e il giovedì dalle 14.30 alle 17.30 ai numeri 051.6812772 – 2738 – 2774 oppure via mail
all’indirizzo servizisociali@comunepersiceto.it

Per ulteriori informazioni: Urp, n. verde 800.069678, www.comunepersiceto.it/emergenza-covid-19

 

👇 Scarica il volantino del Comune di Persiceto con tutte le norme e le indicazioni pratiche.